Vai al contenuto

Home
» SEQUOIA NATIONAL PARK (USA)

SEQUOIA NATIONAL PARK (USA)

Il Sequoia National Park è oggetto di quasi ogni tour della California e rappresenta uno dei più conosciuti parchi degli States. È situato nella parte meridionale delle Montagne Sierra Nevada e offre un’esperienza indimenticabile immersa nella maestosità dei giganteschi alberi sequoia.

Qui ti troverai a stretto contatto con una delle meraviglie del mondo vegetale: le sequoie giganti, tra gli alberi più grandi e longevi del pianeta. Esse si ergono come veri giganti, sfidando il tempo a testimonianza di secoli di storia.

Sequoia National Park - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

Come arrivare

Il Sequoia National Park è situato a circa 300 chilometri a nord di Los Angeles (o circa altrettanti a ovest di Las Vegas) e si può raggiungere in auto, in autobus o in treno.

In auto (mezzo altamente consigliato) l’accesso al parco avviene dalla Highway 198 che attraversa la Sierra Nevada. Il parco dispone di un’ampia rete di strade che permette di raggiungere facilmente i principali punti di interesse (leggi il paragrafo sottostante ‘due ingressi’ per maggiori informazioni).

In autobus, il parco è servito dalla Greyhound. Gli autobus partono da Los Angeles e fermano presso il Sequoia National Park Visitors Center situato all’ingresso del parco.

In treno, il parco è servito dalla Amtrak. I treni partono da Los Angeles e fermano presso la stazione di Exeter, situata a circa 30 chilometri dal parco.

Se non si arriva in auto bisognerà visitare il parco tramite un tour organizzato, le grandi dimensioni dell’area non permettono infatti una visita solamente a piedi.

Sequoia National Park - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

cosa ospita?

Il Sequoia National Park ospita alcune delle sequoie più celebri al mondo, come il General Sherman Tree, l’albero più massiccio del pianeta. Questo capolavoro della natura ha un’altezza di oltre 83 metri e un diametro alla base di circa 11 metri. Ammirarlo da vicino ti lascerà senza fiato e ti farà riflettere sulla grandezza della vita.

Durante la visita avrai l’opportunità di esplorare una vasta gamma di sentieri escursionistici adatti a tutti i livelli di capacità. Dal tranquillo Big Trees Trail, che ti avvolgerà in un ambiente incantato di sequoie e abeti ponderosi, alle sfide più impegnative come il sentiero di Alta Peak il quale regala panorami mozzafiato sulla Sierra Nevada e la Valle di San Joaquin.

Sequoia National Park - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

Una delle esperienze più suggestive nel Sequoia National Park è il Tunnel Log, un albero caduto e opportunamente scavato per consentire il passaggio delle auto. Attraversandolo si comprende ancora di più l’imponenza degli alberi circostanti.

Oltre alla magnifica presenza delle sequoie, il parco offre una varietà di altre attrazioni naturali da esplorare. Tra queste non perdere la possibilità di visitare le Crystal Cave con le loro formazioni di stalattiti e stalagmiti, o di ammirare le spettacolari cascate Roaring River Falls.

Sequoia National Park - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

il punto più alto dell’america continentale

All’interno del Sequoia National Park trova posto anche il Monte Whitney, il punto più alto degli Stati Uniti (esclusa l’Alaska) e vetta più alta della Sierra Nevada. Questa montagna bellissima ricorda un po’ le nostre Dolomiti e raggiunge la ragguardevole altezza di 4.421 metri. Da notare che a 120km da qui c’è il punto più basso degli States, e cioè la bellissima Valle della Morte di cui abbiamo parlato in questo articolo.
 
Monte Whitney
Monte Whitney

fauna

Un altro aspetto affascinante del Sequoia National Park è la fauna selvatica. Mentre esplori i sentieri potresti incontrare facilmente orsi, cervi e puma. Ricorda di rispettare il loro habitat e di seguire le regole del parco.

permanenza

Se desideri prolungare il tuo soggiorno nel parco puoi prenotare un campeggio e goderti l’esperienza di dormire all’ombra di questi giganti millenari. I campeggi nel parco offrono servizi essenziali per garantire una permanenza confortevole, ma è importante essere preparati a condizioni non proprio a cinque stelle.

Sequoia National Park - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

Il mio nuovo romanzo
LEI E LA MONTAGNA

ALLA RICERCA DEI SIGNIFICATI PIÙ PROFONDI DELLA VITA TRA LE PIÙ BELLE MONTAGNE DEL MONDO. UNA STORIA AUTENTICA, CHE APPASSIONA E FA RIFLETTERE

informazioni pratiche

Il periodo migliore per visitare il Sequoia National Park è da maggio a ottobre, quando il clima è più mite. Il parco, anche se aperto tutto l’anno, è visitabile con difficoltà in inverno. In questa stagione vige l’obbligo di catene a bordo (non bastano le gomme termiche!) e alcune strade possono risultare inagibili per neve.

Il costo d’ingresso al Sequoia National Park è di 35 dollari per veicolo (agosto 2023) a prescindere dal numero di persone a bordo. Il biglietto è valido per sette giorni. Questo costo d’ingresso include l’entrata al vicino Kings Canyon.

Esistono opzioni di abbonamento, come la National Park Pass, che permette di visitare tutti i parchi nazionali degli Stati Uniti per un anno intero. Il costo della National Park Pass è di 80 dollari.

Il costo delle attività all’interno del parco varia a seconda dell’attività. Ad esempio, il costo di un’escursione guidata è di circa 20 dollari a persona. Il costo di un campeggio è di circa 20 dollari a notte.

Sequoia National Park - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

due ingressi

Il Sequoia National Park dispone di due ingressi, molto distanti uno dall’altro.

Per chi viene da sud oppure da sud-est (Los Angeles, Santa Barbara, San Diego, Las Vegas, Death Valley…) l’ingresso più naturale è l’Ash Mountain Entrance. 

Per chi arriva da nord (San Francisco, Yosemite…) l’ingresso più naturale è la Big Stump Entrance. Questo ingresso impone il passaggio al Kings Canyon dopo il quale, tramite la Highway 198 (Generals Highway) si arriva al Sequoia. Questa è una strada molto bella e panoramica e, potendo scegliere, la consiglierei (evitandola però in inverno causa frequenti e quasi imprevedibili nevicate…).

Sequoia National Park - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

GLI INCENDI DEL 2020 E 2021

Gli incendi del 2020 e nel 2021 hanno scosso l’esistenza di giganti millenari, simbolo dello stato dorato dell’America del Nord, ora a rischio di estinzione.

Nel suggestivo Kings Canyon le fiamme hanno tragicamente reclamato un quinto della popolazione di sequoie millenarie. Il National Park Service ha ora un audace piano di riseminazione di giovani alberi provenienti dai vivai.

Gli incendi hanno spazzato via ben 14.000 di questi giganti, pari a un quinto della  popolazione mondiale, confinata in una stretta striscia di terreno lunga circa 350 chilometri all’interno della California.

La California ha preservato deliberatamente la vegetazione delle sue foreste per anni, cercando di minimizzare il rischio di incendi. Ma quando la siccità ha colpito l’area nell’ultimo decennio le sequoie si sono trovate circondate da vegetazione più piccola e materiale facilmente combustibile.

Gli incendi catastrofici del 2020 e del 2021 hanno trasformato molti alberi millenari in spettri carbonizzati. Gli incendi hanno raggiunto altezze impensabili, fino a 60 metri, un evento mai visto prima.

Secondo il National Park Service in alcune aree non ci sono abbastanza sequoie adulte o giovani piante vitali che possano favorire una rinascita naturale. Ecco perché è stato progettato un ambizioso piano di riforestazione. Invece di lasciare che altre specie, come pini e querce, prendano il sopravvento, gli esperti intendono piantare migliaia di giovani sequoie provenienti dai vivai. Questo progetto a lungo termine richiederà un investimento di 4,4 milioni di dollari, ma della sua approvazione non vi è ancora certezza.

Andrew Bishop, un ecologo del parco, sottolinea l’importanza del restauro. secondo l’esperto, senza una popolazione di sequoie in grado di riprodursi, il futuro rischia di rimanere incerto e la sopravvivenza di questi giganti potrebbe essere a rischio.

Va notato però che questo piano non è privo di controversie. Chad Hanson, direttore dell’associazione ambientalista John Muir Project, crede che la natura sia già in grado di gestire autonomamente la situazione. Egli sostiene che ci siano abbastanza giovani sequoie pronte a spuntare dal terreno, ma le valutazioni sono complesse e potrebbero non essere state del tutto accurate. Il futuro delle sequoie rimane quindi incerto e non privo di rischi.

Il General Sherman protetto per via incendi (fonte: Sequoia and Kings Canyon National Parks)
Circa un 10% delle sequoie più grandi del mondo sono state distrutte dagli incendi del 2020 e 2021.[/caption
Cuorecielo.com racconta viaggi esotici, luoghi stupendi ed esperienze di crescita personale. Ogni contenuto è stato creato con positività, inseguendo il sogno possibile di un mondo migliore.
Alfredo Paluselli​

I MIEI LIBRI

Petrified Forest (USA) - Cuorecielo - Alfredo Paluselli

PETRIFIED FOREST (USA)

Petrified Forest: un luogo magico e misterioso situato negli Stati Uniti che ti farà immergere in un mondo preistorico.

Pinatubo - Cuorecielo.com

PINATUBO (FILIPPINE)

Descrizione, visita e ascesa del vulcano più famoso di tutte le Filippine. Un ambiente meraviglioso che nel 1991 si trasformò...

Singapore

SINGAPORE

Singapore è una città-stato a sud della Malesia, un interessante e vivissimo centro finanziario globale con clima tropicale.

Ricevi ispirazioni

NON MANCARE!
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 
DI CUORECIELO

ogni viaggio

è una sfida

Alfredo Paluselli

Questo è CUORECIELO.COM
Grazie della visita! 
Alfredo Paluselli

seguimi

Tutto il materiale presente in cuorecielo.com è coperto da copyright