Vai al contenuto

Home
» CUBA: SCOPRIAMOLA ASSIEME

CUBA: SCOPRIAMOLA ASSIEME

introduzione

Oggi andremo alla scoperta di Cuba, una destinazione unica nel cuore dei Caraibi. 

Non è possibile comprendere quest’isola senza conoscerne la storia, inizieremo dunque proprio dal suo passato. Arriveremo poi a parlare dei luoghi più magici ipotizzando un tour di due settimane. Scopriremo poi assieme le manifestazioni culturali più famose di Cuba come il rum, i sigari, i cocktail, le automobili storiche e mille altri dettagli che fanno di questa perla nei Caraibi un paese tutto da scoprire.

Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo PaluselliCuba - Cuorecielo.com - Alfredo PaluselliCuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

la storia di cuba

La storia di Cuba è ricca di eventi, cambiamenti politici e culturali che hanno contribuito a plasmare l’identità dell’isola caraibica. Di seguito, fornirò una panoramica della storia di Cuba dalle sue origini fino ai tempi moderni:
 
1. Periodo precolombiano:
Prima dell’arrivo degli europei, Cuba era abitata da popolazioni indigene note come Taino e Siboney. Nel 1492, Cristoforo Colombo raggiunse l’isola durante il suo primo viaggio transatlantico e la rese una colonia spagnola.
 
2. Colonizzazione spagnola:
I conquistadores spagnoli colonizzarono l’isola e sfruttarono la popolazione indigena come manodopera nelle piantagioni di canna da zucchero e tabacco. La presenza spagnola durò per secoli e lasciò un’impronta significativa sulla cultura cubana.
 
3. Periodo dell’indipendenza:
Nel XIX secolo, il movimento indipendentista cubano si sviluppò e portò a una serie di guerre contro il dominio spagnolo. Nel 1898, durante la Guerra ispano-americana, gli Stati Uniti intervennero a favore di Cuba e sconfissero la Spagna. Dopo la guerra, Cuba ottenne l’indipendenza, ma rimase sotto l’influenza degli Stati Uniti.
 
4. Il periodo della repubblica:
Dal 1902 al 1959, Cuba visse un periodo di instabilità politica e sociale. Durante questo periodo, il paese fu caratterizzato da governi corrotti, disuguaglianze sociali e influenza straniera. Diverse figure politiche emersero, inclusi dittatori come Fulgencio Batista.
 
5. La rivoluzione cubana:
La situazione di instabilità portò all’ascesa di Fidel Castro e del movimento rivoluzionario. Nel 1959, la rivoluzione cubana portò alla cacciata di Batista e alla presa del potere da parte di Castro, che instaurò un governo socialista e nazionalizzò molte industrie e proprietà straniere sull’isola.
 
6. Relazioni con gli Stati Uniti e l’embargo:
Il nuovo governo cubano di Castro portò a tensioni con gli Stati Uniti. Nel 1961, fu lanciata la fallimentare invasione della Baia dei Porci, sostenuta dagli Stati Uniti. Nel 1962, seguì la crisi dei missili cubani, che portò il mondo sull’orlo di una guerra nucleare. Gli Stati Uniti imposero quindi un embargo commerciale ed economico su Cuba, che durò per decenni e influenzò notevolmente l’economia del paese.
 
7. Periodo post-rivoluzione:
Dopo il trionfo della rivoluzione, Cuba ha vissuto decenni di governo socialista sotto la leadership di Fidel Castro e del Partito Comunista di Cuba. Il paese ha ricevuto il supporto economico e politico dall’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda, ma ha affrontato sfide economiche e isolamento internazionale a causa dell’embargo.
 
8. Il periodo moderno:
Dopo la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, Cuba affrontò una crisi economica nota come “Período Especial”. Negli ultimi anni, il paese ha intrapreso alcune riforme economiche e sociali per affrontare le sfide interne ed esterne. Nel 2008, Fidel Castro si dimise per ragioni di salute, e suo fratello Raúl Castro gli successe come presidente. Nel 2018, Raúl Castro si è dimesso, lasciando il posto a Miguel Díaz-Canel, il primo presidente non appartenente alla famiglia Castro dopo quasi sei decenni.
 
La storia di Cuba è un mix di lotte per l’indipendenza, cambiamenti politici e sociali, e un’identità culturale unica che ha affascinato il mondo per secoli. Oggi l’isola rimane un luogo ricco di storia e tradizioni, con una società in evoluzione che cerca di bilanciare il suo patrimonio rivoluzionario con le sfide e le opportunità del XXI secolo.
 
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

l’embargo

L’embargo verso Cuba (lì chiamato el bloqueo) è una politica di restrizioni commerciali ed economiche imposte dagli Stati Uniti nei confronti dell’isola cubana. Questa politica è stata introdotta nel 1960 e si è sviluppata in risposta alla rivoluzione cubana e all’instaurazione del governo socialista guidato da Fidel Castro.
 

Origini dell’embargo

L’embargo verso Cuba ebbe origine nel contesto della Guerra Fredda e delle tensioni politiche tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica. Con l’instaurazione del governo socialista di Castro a Cuba e l’esproprio delle proprietà statunitensi sull’isola, gli Stati Uniti iniziarono ad applicare misure di embargo commerciale ed economico.
 

Le principali misure dell’embargo

L’embargo verso Cuba prevede una serie di restrizioni commerciali, finanziarie e di viaggio imposte dagli Stati Uniti. 
 
Divieto di commercio: Le aziende statunitensi hanno il divieto di commerciare con Cuba, sia per importazioni che per esportazioni. Ciò ha reso difficile per l’isola accedere a beni e servizi dagli Stati Uniti e ha limitato la sua capacità di esportare prodotti verso il mercato statunitense.
 
Divieto di viaggio: Gli americani sono soggetti a restrizioni per i viaggi a Cuba. Fino al 2020, i viaggi dei cittadini statunitensi sull’isola erano limitati a determinati scopi autorizzati, come visite familiari, scopi accademici, attività culturali o umanitarie. Queste restrizioni sono state allentate durante l’amministrazione Obama e nel 2021 con l’amministrazione Biden.
 
Divieto di investimenti: Le aziende statunitensi non possono investire direttamente a Cuba e le aziende straniere con filiali negli Stati Uniti devono rispettare le restrizioni sull’embargo quando commerciano con l’isola.
 

Effetti dell’embargo:

L’embargo verso Cuba ha avuto un impatto significativo sull’economia dell’isola e sulla sua popolazione. Ha contribuito a limitare lo sviluppo economico e tecnologico di Cuba, oltre a creare difficoltà nell’accesso a beni e servizi essenziali. L’isola ha dovuto cercare alternative commerciali e finanziarie con altri paesi, spesso con limitati successi.
 
Nel complesso, l’embargo verso Cuba rimane un tema politico delicato e controverso, che continua a influenzare le relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti e a plasmare la situazione economica e politica dell’isola.
 
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli


un tour di due settimane

Prima di andare a descrivere gli aspetti culturali di Cuba ipotizziamo un tour di due settimane per scoprirla. Si tratta di un’ipotesi di viaggio che include cultura, divertimento e relax. Tieni presente che si tratta solo di un’idea, magari ottima come ispirazione di base. Preparati dunque a esplorare l’isola durante questo tour con auto a noleggio, partendo e tornando da L’Havana.
 
Giorno 1: Arrivo a L’Havana
Dedica il pomeriggio a passeggiare lungo l’iconico Malecón, il lungo mare, ammirando le colorate facciate coloniali e l’atmosfera vivace della città.
 
Giorno 2-3: L’Havana
Esplora L’Havana a fondo. Visita la Cattedrale di San Cristóbal, Piazza della Cattedrale e il maestoso Capitolio Nazionale. Per immergerti nella cultura cubana, visita la Plaza de la Revolución e il Museo della Rivoluzione. La sera, non perderti uno spettacolo di musica e ballo tradizionale in uno dei locali della città. Non dimenticare un buon Mojito presso la Bodeguita del Medio e magari anche un buon Daiquiri presso il Floridita, dove troverai anche una statua di Hemingway.
 
Giorno 4-5: Trinidad
Prendi l’auto e dirigiti verso Trinidad. Questa città coloniale dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO ti incanterà con le sue stradine acciottolate, case color pastello e l’energia vibrante. Visita la Plaza Mayor, il Museo Romántico e goditi un po’ di relax alle vicine spiagge di Ancón.
 
Giorno 6-8: Cayo Coco
Fai rotta verso Cayo Coco, un paradiso per gli amanti delle spiagge di sabbia bianca e acque cristalline. Per arrivarci, attraversa in auto una strada assolutamente meravigliosa, che sembra galleggiare sul mar dei Caraibi. Se avrai fortuna, mentre passerai, qualche delfino ti farà compagnia saltando fuori dall’acqua. Concediti un po’ di meritato relax tra palmizi e meravigliosi tramonti. Se ti va, fai snorkeling o immersioni per ammirare i fondali marini.
 
Giorno 9-11: Santiago de Cuba
Continua il tuo viaggio fino a Santiago de Cuba, una città affascinante e ricca di storia. Esplora il Castillo del Morro e il cimitero Santa Ifigenia, luogo di sepoltura di José Martí e Fidel Castro. Scopri le influenze afro-cubane al Carnaval Museum e assapora la cucina locale.
 
Giorno 12-14: Rientro a L’Havana
È il momento di tornare a L’Havana per concludere il tuo tour di Cuba. Prima di arrivare, fai una breve sosta a Cienfuegos, conosciuta come “La Perla del Sud”. Ammira l’architettura francese e la Plaza Mayor. Quindi prosegui verso Santa Clara e visita il monumento al Che Guevara.
 
Ritornando a L’Havana goditi gli ultimi giorni esplorando luoghi che ti sono piaciuti di più o facendo acquisti per portare a casa ricordi particolari come rum, sigari o tabacco. 
 
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
La Bodeguita del Medio a L’Havana, dove nacque il famoso cocktail Mojito

Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo PaluselliCuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

Il mio nuovo romanzo
LEI E LA MONTAGNA

ALLA RICERCA DEI SIGNIFICATI PIÙ PROFONDI DELLA VITA TRA LE PIÙ BELLE MONTAGNE DEL MONDO. UNA STORIA AUTENTICA, CHE APPASSIONA E FA RIFLETTERE

Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
Il Floridita a L’Havana, locale frequentato da Heningway e dove nacque il Daiquiri

Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo PaluselliCuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

consigli pratici

Prima di partire per Cuba ti lascio qualche banale consiglio pratico che è sempre meglio ricordare. 

Passaporto, visto e assicurazione: Assicurati di avere un passaporto valido per almeno sei mesi dalla data di arrivo prevista. Se vuoi essere più tranquillo, o se il tuo tour operator lo richiede, acquista un’assicurazione viaggio prima della partenza. 

Moneta: Cuba non ha più due valute, l’unica valuta ufficiale a Cuba dal 1/1/2021 è il CUP (Peso Cubano). A luglio 2023 il CUP vale 0,038 EUR.

Denaro contante: Le carte di credito e debito possono non essere accettate ovunque, soprattutto nelle zone rurali o in generale fuori dalle città. Porta con te abbastanza denaro contante per coprire le spese durante il tuo viaggio.

Salute e igiene: Porta con te un kit di pronto soccorso con medicinali essenziali. A volte a Cuba, a causa dell’embargo e della povertà, non è facile reperire le medicine di base. Il servizio ospedaliero è invece in genere di buona qualità.

Elettricità: Cuba utilizza prese elettriche di tipo A, B e C, con tensione di 110 V. Porta un adattatore di viaggio universale.

Comunicazione: Il roaming internazionale potrebbe non essere disponibile per tutte le compagnie telefoniche, quindi verifica le opzioni con il tuo provider prima di partire. Alcune zone possono avere copertura internet limitata.

Clima: Cuba ha un clima tropicale, quindi indossa abbigliamento leggero e proteggiti dal sole. Porta un ombrello o un impermeabile in caso di pioggia improvvisa. Le cubane spesso utilizzano l’ombrello per ripararsi dal sole (il suo utilizzo originale).

Sicurezza: Cuba è generalmente considerata una destinazione sicura ma mantieni sempre la consapevolezza dei tuoi beni. Evita di esibire oggetti di valore e fai attenzione ai borseggiatori nelle zone affollate.

Rispetto per la cultura: Mostra rispetto per la cultura e le tradizioni cubane. Cerca di imparare qualche parola di spagnolo per facilitare la comunicazione con i locali e sii consapevole dell’importanza della musica, della danza e delle festività per la popolazione locale.

Trasporti: Utilizza taxi ufficiali e prenota eventuali trasferimenti da operatori affidabili. Se noleggi un’auto, assicurati di avere tutti i documenti necessari e di saper guidare con padronanza in ogni tipo di situazione.

Internet: L’accesso a Internet potrebbe essere limitato, ma alcuni hotel e punti di accesso pubblici offrono connessioni Wi-Fi a pagamento.

Fotografia: Chiedi il permesso prima di scattare eventuali foto a persone o a luoghi sensibili come edifici governativi o militari, ricorda che la cultura e il governo qui sono molto particolari.

Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo PaluselliCuba - Cuorecielo.com - Alfredo PaluselliCuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

le automobili di cuba

Le automobili di Cuba rappresentano un affascinante viaggio nel tempo. Durante una passeggiata per le strade cubane sarai trasportato indietro nel tempo per via della presenza di auto d’epoca che circolano ancora oggi. Queste vetture vintage, alcune delle quali risalenti agli anni ’50, sono diventate una caratteristica iconica dell’isola. Molti dei modelli ben conservati sono stati mantenuti grazie alla creatività e alla passione dei loro proprietari, poiché i ricambi originali spesso sono scarsi o inaccessibili a causa dell’embargo economico. Queste vetture vivaci, dai colori sgargianti e dai dettagli unici, diventano un autentico simbolo di Cuba e attirano l’attenzione di visitatori e appassionati di automobili da tutto il mondo. Mentre si passeggia per L’Havana o altre città, è facile immaginarsi come sarebbe stato vivere nell’era d’oro delle automobili e scoprire la storia affascinante di Cuba attraverso la lente di queste macchine vintage.
 
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo PaluselliCuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli


LA MUSICA: L’ANIMA DELL’ISOLA

La musica cubana è un tesoro culturale che ha catturato i cuori di persone in tutto il mondo. Caratterizzata da una miscela di influenze africane, spagnole e caraibiche, la musica cubana si è evoluta nel corso dei secoli dando vita a generi musicali eccezionali e innovativi.
 
1. Son: Uno dei generi musicali più emblematici di Cuba è il son. Questo genere, nato nella regione di Oriente, combina elementi di musica spagnola e africana ed è spesso suonato da gruppi di strumenti tradizionali come il tres (una chitarra cubana a tre corde), il bongo, le claves e le maracas.
 
2. Salsa: La salsa è un genere musicale influenzato dal son cubano e da altri stili latini e caraibici. È una fusione di ritmi afrocubani con il jazz, il mambo e altri generi musicali. La salsa è diventata popolare a livello internazionale e ha ispirato ballerini e musicisti di tutto il mondo.
 
3. Rumba: La rumba è un genere di musica e danza tradizionale di origine afrocubana. È caratterizzata da percussioni intense e danze sensuali. La rumba è spesso eseguita durante feste e celebrazioni e rappresenta un aspetto importante della cultura cubana.
 
4. Cha-cha-cha: Questo animato stile musicale è una forma derivata del Mambo, con un caratteristico ritmo sincopato. Il Cha-cha-cha è stato reso famoso negli anni ’50 e ha continuato a essere una parte importante della scena musicale cubana.
 
5. Buena Vista Social Club: Negli anni ’90 il progetto Buena Vista Social Club ha portato una rinascita della musica tradizionale cubana a livello internazionale. Artisti leggendari come Compay Segundo, Ibrahim Ferrer e Omara Portuondo hanno contribuito a rendere famoso questo movimento che ha portato alla riscoperta di generi musicali tradizionali cubani.
 
6. Reggaeton: Negli ultimi anni il Reggaeton, un genere musicale di origine portoricana, si è diffuso anche a Cuba influenzando la scena musicale e attirando un ampio seguito di giovani appassionati.
 
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli


il rum

Il rum cubano è rinomato in tutto il mondo per la sua qualità e il suo sapore distintivo. Cuba è una delle principali nazioni produttrici di rum e il suo clima tropicale e i terreni fertili contribuiscono alla coltivazione di canna da zucchero di alta qualità, l’ingrediente chiave per la produzione del rum.
 
La storia della produzione del rum a Cuba risale a secoli fa, quando i primi coloni spagnoli introdussero la canna da zucchero nell’isola. Nel corso degli anni, la produzione di rum a Cuba si è evoluta, e la sua fama è cresciuta a livello internazionale.
 
I processi di produzione del rum cubano sono caratterizzati da una combinazione di tradizione e tecnologia moderna. La canna da zucchero viene raccolta, triturata e il suo succo viene estratto per poi essere fermentato. Il liquido risultante, noto come “mela”, viene quindi sottoposto a un processo di distillazione per ottenere il rum.
 
Un’importante caratteristica distintiva del rum cubano è il suo invecchiamento. Molti rum cubani vengono invecchiati in botti di quercia per lunghi periodi di tempo, il che conferisce loro una maggiore complessità e profondità di sapore. Le etichette dei rum spesso riportano l’età del prodotto, che può variare da pochi anni fino a decenni.
 
Il rum cubano è noto per avere una vasta gamma di sapori e aromi, che possono includere note di caramello, vaniglia, cioccolato, frutta tropicale e legno. Alcuni dei marchi di rum cubani più famosi includono Havana Club, Bacardí, Ron Varadero e Santiago de Cuba solo per citarne alcuni.
 
Il rum cubano è spesso consumato da solo o con ghiaccio, ma è anche un ingrediente chiave in molti cocktail classici cubani, come il Mojito e il Daiquiri. I tour delle distillerie di rum e le degustazioni sono ottime occasioni per apprezzare appieno la varietà e la qualità dei rum cubani.
 
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
Un Daiquiri servito al Floridita a L’Havana

Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli

i cocktail cubani

I cocktail cubani hanno conquistato fama mondiale grazie alla loro combinazione di sapori e al loro legame con la cultura cubana. Tra i più celebri spicca il Mojito, un cocktail fresco e rinfrescante preparato con rum bianco, zucchero di canna, foglie di menta, lime e soda. 
 
Un altro cocktail iconico di Cuba è il Daiquiri, un mix perfetto di rum bianco, succo di limone o lime e zucchero, servito in un bicchiere da cocktail ghiacciato. Questa bevanda ha guadagnato popolarità internazionale grazie a personaggi come Ernest Hemingway che lo amava al punto da renderlo celebre nella sua opera Isole nella corrente (Islands in the Stream).
 
Il Cuba Libre è un altro cocktail classico, composto da rum, cola e lime. La sua semplicità lo rende una scelta popolare tra i locali e i visitatori, perfetto per godersi un po’ di relax in un caldo pomeriggio cubano.
 
Non possiamo dimenticare la famosa Pina Colada, anche se originaria di Porto Rico, è ampiamente apprezzata e consumata a Cuba. Questo cocktail è fatto con rum bianco, latte di cocco, succo d’ananas e ghiaccio, e viene servito in un bicchiere decorato con una fetta di ananas e una ciliegina.
 
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo PaluselliCuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli


i sigari cubani

I sigari cubani sono considerati tra i migliori al mondo e vantano una ricca tradizione e artigianalità che risale a secoli fa. Cuba è famosa per la sua lunga storia nella coltivazione del tabacco e nella produzione dei sigari, e il suo clima e terreno unici hanno contribuito a creare condizioni ideali per la coltivazione delle foglie di tabacco di alta qualità.
 
Ci sono diverse regioni cubane rinomate per la coltivazione del tabacco, ma le principali sono Vuelta Abajo nella provincia di Pinar del Río e le regioni di Vuelta Arriba e Semi Vuelta.
 
I sigari cubani sono noti per la loro eccellente lavorazione a mano, realizzati da maestri torcedores. Questi artigiani trasformano le foglie di tabacco in complessi rotoli di tabacco chiamati tripas che costituiscono l’interno del sigaro. Questo processo richiede abilità e precisione per assicurarsi che il sigaro abbia un tiro uniforme e una combustione perfetta.
 
Le foglie di tabacco utilizzate nei sigari cubani sono selezionate con cura e possono provenire da diverse parti della pianta, ciascuna con caratteristiche uniche che contribuiscono al sapore e all’aroma del sigaro. Alcune delle varietà di tabacco cubano più rinomate includono la Hoja Seca (foglia secca), la Seco (foglia mediana) e la Ligero (foglia superiore).
 
Tra i marchi di sigari cubani più celebri ci sono Cohiba, Montecristo, Romeo y Julieta, Partagás e Hoyo de Monterrey
 
Cohiba è considerato uno dei marchi più prestigiosi ed è stato creato appositamente per Fidel Castro. Montecristo è un altro marchio rinomato e offre sigari di alta qualità apprezzati da molti fumatori di sigari in tutto il mondo.
 
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo PaluselliCuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli


hemingway a cuba

Ernest Hemingway, uno degli scrittori più celebri e influenti del XX secolo, ha avuto una forte connessione con Cuba, e il suo impatto sull’isola è ancora palpabile oggi. Hemingway visse a Cuba per diversi anni, in particolare tra il 1939 e il 1960, e questa esperienza ha avuto una profonda influenza sulla sua vita e sulla sua opera.
 
L’Havana e la regione circostante furono particolarmente importanti per Hemingway. Durante il suo soggiorno a Cuba, scrisse alcune delle sue opere più famose, tra cui Per chi suona la campana, Il vecchio e il mare e L’ultima spiaggia. La presenza dell’autore americano ha lasciato un segno indelebile sulla città, e i luoghi che lo hanno ispirato sono diventati attrazioni turistiche popolari.
 
Una delle tappe imperdibili per i fan di Hemingway è La Bodeguita del Medio, un celebre bar e ristorante a L’Havana, dove si dice che l’autore amasse gustare il suo Mojito preferito. Altra tappa importante è El Floridita, un altro storico bar frequentato da Hemingway, dove è possibile sorseggiare un autentico Daiquiri, il suo cocktail preferito, accanto alla statua che lo ricorda.
 
Ma forse il luogo più iconico legato a Hemingway a Cuba è la sua casa, conosciuta come Finca Vigía, situata a San Francisco de Paula, un sobborgo di L’Havana. La casa è stata preservata come museo e offre una preziosa occasione per esplorare l’universo intimo dell’autore. Qui, si possono ammirare gli oggetti personali, la biblioteca e l’ambiente in cui Hemingway visse e scrisse molte delle sue opere.
 
L’amore di Hemingway per la pesca d’altura è ben documentato, e trascorse molti giorni a bordo del suo yacht Pilar, navigando nelle acque del Mar dei Caraibi. Anche se la barca non è più a Cuba, una replica del Pilar è esposta presso il Museo Ernest Hemingway di L’Havana.

Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
Cuba - Cuorecielo.com - Alfredo Paluselli
Images © Alfredo Paluselli
Cuorecielo.com racconta viaggi esotici, luoghi stupendi ed esperienze di crescita personale. Ogni contenuto è stato creato con positività, inseguendo il sogno possibile di un mondo migliore. Alfredo Paluselli​

I MIEI LIBRI

teide

TEIDE (SPAGNA)

Il Teide rappresenta il punto più alto della Spagna. Si trova sull'isola di Tenerife, nell'arcipelago delle Canarie.

Ricevi ispirazioni

NON MANCARE!
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 
DI CUORECIELO

la meta

è partire

Alfredo Paluselli

Questo è CUORECIELO.COM
Grazie della visita! 
Alfredo Paluselli

seguimi

Tutto il materiale presente in cuorecielo.com è coperto da copyright